contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content
HomeConto EnergiaFotovoltaicoQuarto Conto

Quarto Conto

autoconsumata, tariffa premio, tariffe incentivanti, piccoli impianti, grandi impianti, integrato inovativo, distinzione tariffaria

Cos’è

Il Decreto Ministeriale 5 maggio 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12/05/2011, conosciuto come Quarto Conto Energia, è riservato agli impianti di potenza non inferiore a 1 kW che entrano in esercizio dopo il 31 maggio 2011.
Ai sensi del DM 5 luglio 2012, il Quarto Conto Energia si applica esclusivamente:

  • ai "piccoli impianti" fotovoltaici, agli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative e agli impianti a concentrazione che entrano in esercizio prima del 27 agosto 2012;
  • ai "grandi impianti" iscritti in posizione utile nei Registri e che producono la certificazione di fine lavori entro 7 mesi (o 9 mesi per gli impianti di potenza superiore a 1 MW) dalla pubblicazione della relativa graduatoria;
  • agli impianti realizzati sugli edifici pubblici e su aree delle Amministrazioni Pubbliche, che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012.

Il meccanismo prevede l’incentivazione dell’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici mediante una tariffa costante per 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto.

Il Quarto Conto Energia ha previsto una progressiva e programmata riduzione delle tariffe nel tempo al fine di allineare, gradualmente, l’incentivo pubblico con i costi delle tecnologie e mantenere stabilità e certezza sul mercato. Ha, inoltre, stabilito dei limiti di costo periodici:
  • che nel periodo intercorrente tra il 1 giugno 2011 e il 31 dicembre 2012 limitano l’accesso alle tariffe incentivanti per i “Grandi Impianti”, per i quali, peraltro, è prevista l’iscrizione a un Registro informatico gestito dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A.
     

Requisiti dei soggetti e degli impianti

Possono usufruire  delle tariffe incentivanti del Quarto Conto Energia solo gli impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica, di potenza superiore a 1 kW e che appartengono a una delle seguenti categorie:

  •  “impianti fotovoltaici”
  •  “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative”
  •  “impianti fotovoltaici a concentrazione”
  •  “impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica” (per la definizione di questa categoria di impianti si attende un decreto ministeriale)
 
 
Come richiedere gli incentivi
 
Dal primo dicembre 2010 il GSE ha dematerializzato le procedure di accesso agli incentivi del Conto energia fotovoltaico, predisponendo un sistema informatico di gestione delle richieste di concessione delle tariffe incentivanti e del premio abbinato ad un uso efficiente dell’energia. L’applicazione informatica con la quale i Soggetti Responsabili degli impianti o i Referenti Tecnici delegati devono  interagire per l’invio delle richieste di incentivazione e del premio è raggiungibile al seguente link: https://applicazioni.gse.it.
 
Nella Guida all'utilizzo dell'applicazione web per il Quarto Conto Energia è possibile reperire informazioni sull’utilizzo dell’applicazione informatica ai fini dell’invio delle richieste di incentivazione.
 
Le Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti previste dal DM 5 maggio 2011 descrivono le modalità, i criteri e le regole per la valutazione e la gestione della documentazione inviata dai Soggetti Responsabili al GSE.
 
 
Le tariffe incentivanti
 
In base alla tipologia di impianto, alla data di entrata in esercizio e alla sua potenza sono previste diverse tariffe incentivanti.
 
Inserisci i dati dell’impianto per conoscere la tua tariffa incentivante
 
 

Tariffa incentivante 0,315 € per kWh

tariffa_incentivante

 

 AVVISO AGLI OPERATORI

 
​Si ricorda ai Soggetti Responsabili che presentano istanza di accesso agli incentivi (D.M. 5 maggio 2011) di presentare il Certificato antimafia (per maggiori informazioni consultare la news del 07/11/2011 - Quarto Conto Energia: Presentazione certificato antimafia).

Cerca termini

Questa pagina è stata aggiornata il 13/03/2013