contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content
HomeSupportoFAQCertificati Verdi

Quando sono emessi i Certificati Verdi dal GSE?

​I Certificati Verdi (CV) relativi alla produzione 2012 sono emessi dal GSE entro 30 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di emissione a consuntivo/compensazione annuale da parte del produttore qualificato, inoltrata telematicamente tramite portale WEB-ECV. I Certificati Verdi (CV) relativi alla produzione dal 2013 al 2015 verranno emessi compatibilmente con la disponibilità dei dati sulla produzione in accordo a quanto previsto dall’articolo 20 comma 2 del DM 6 luglio 2012  e dalla procedura applicativa per l’emissione, la gestione e il ritiro dei CV pubblicata sul sito del GSE.

Come funziona la compensazione annuale dei Certificati Verdi 2012?

​Entro il 30 aprile 2013, ciascun produttore qualificato, a favore del quale siano stati emessi Certificati Verdi (CV) a preventivo, trasmette la Dichiarazione Annuale di Consumo trasmessa all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli attestante l’effettiva produzione, ovvero l’apposita autocertificazione nel caso di impianti non soggetti a presentazione della suddetta dichiarazione (vedere la Dichiarazione sostitutiva Atto di Notorietà pubblicata sul sito) e la documentazione coerente con le caratteristiche tecniche dell’impianto risultanti dai dati della qualificazione effettuata dal GSE.
Nella procedura applicativa per l’emissione, la gestione e il ritiro dei CV sono descritte nel dettaglio le modalità operative per richiedere, esclusivamente attraverso il portale web ECV, la compensazione dei CV.

Quali sono le modalità di emissione dei Certificati Verdi per la produzione degli anni 2013-2015?

Nel periodo dal 2013-2015 i Certificati Verdi vengono emessi sulla base dei dati mensili per tutti gli impianti la cui richiesta di abilitazione/avvio all’incentivo sia stata approvata. L’emissione dei CV su base mensile, a partire dalla produzione dell’anno 2013, è dunque  prevista per tutti gli impianti senza presentare ulteriori specifiche richieste.
I CV vengono emessi a partire dalle misure comunicate mensilmente dai Gestori di Rete. Per gli impianti la cui energia netta viene calcolata come energia lorda prodotta decurtata di una quota di energia relativa ai servizi ausiliari e perdite, è previsto un periodo transitorio (pari a tutto il 2013) durante il quale i produttori potranno comunicare le misure di energia lorda prodotta tramite l’apposita funzionalità presente sul portale web ECV, inviando i registri mensili di produzione. Non sono quindi  più previste le modalità di emissione dei CV a preventivo sulla base di garanzia sulla producibilità attesa o sulla base di garanzia fideiussoria ad eccezione di particolari tipologie di impianti per i quali i produttori non potranno usufruire delle emissioni mensili (impianti ibridi e impianti alimentati a rifiuti).
Sarà comunque prevista una fase di consuntivazione a fine anno.

Può essere prolungato il periodo di riconoscimento dei Certificati Verdi?

​Ai sensi dell’articolo 11, comma 8 del Decreto Ministeriale 18/12/2008 il periodo di riconoscimento dei CV può essere prolungato per tenere conto degli eventuali fermi disposti dalle competenti autorità in materia, per problematiche connesse alla sicurezza della rete o se l’impianto si è fermato a seguito di un evento calamitoso dichiarato tale con provvedimento delle autorità competenti quali, in via meramente esemplificativa, un provvedimento della Giunta Regionale, su proposta del Presidente della Regione, ovvero un Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali o un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che deliberino lo stato di emergenza.
In questi casi il GSE estende il diritto al riconoscimento dell’incentivo per un periodo pari a quello complessivo di fermata, incrementato del 20%.

Qual è il periodo di utilizzo dei Certificati Verdi?

I CV rilasciati in un dato anno alla produzione di energia elettrica degli impianti, possono essere utilizzati per ottemperare all’obbligo di cui all’art. 11 del decreto legislativo 79/99, relativo anche ai successivi due anni.

Quali sono le principali novità introdotte dal DM del 6 luglio 2012 per i Certificati Verdi?

​Le novità più significative, introdotte dall’articolo 20 del DM, sono le seguenti:
• l’emissione a preventivo e il consuntivo annuale sono limitati ai soli impianti qualificati IAFR ibridi o alimentati a rifiuti;
• le emissioni avvengono a partire dalle misure inviate mensilmente dai Gestori di Rete;
• tutti i titolari di impianti qualificati IAFR dovranno presentare richiesta di abilitazione (per impianti già in esercizio) o richiesta di avvio all’incentivo (per gli impianti che non hanno ancora percepito Certificati Verdi e che risultino comunque già in esercizio a valle della verifica tecnica del referente della qualifica IAFR);
• i CV vengono ritirati dal GSE con cadenza semestrale relativamente al 2012 e trimestrale a partire dai CV rilasciati sulla produzione dell’anno 2013.

E’ possibile inviare la “proposta di emissione ordinaria” Certificati Verdi in formato cartaceo?

​No. La proposta di emissione CV deve essere inserita esclusivamente per via telematica sul portale web ECV sotto la voce Proposte Emissione – Emissione ordinaria/compensazione. Le richieste pervenute in formato cartaceo non verranno prese in considerazione.

E’ possibile inserire la “proposta di emissione ordinaria” anche se la proposta di avvio incentivo o la richiesta di abilitazione non sono state approvate?

Nel solo caso di proposta di avvio incentivo è necessario che la stessa risulti in stato “APPROVATA” prima di procedere alla proposta di emissione.
Per poter altresì procedere con l’inserimento della proposta di emissione ordinaria è sufficiente che la richiesta di abilitazione risulti in stato “INVIATA”.

In fase di inserimento della “proposta di emissione ordinaria” proposta di emissione”, e nonostante sia stata inserita correttamente la richiesta di abilitazione, compare il seguente messaggio : “Per inserire la proposta ordinaria è necessario presentare una proposta di incentivo o una richiesta di abilitazione”. Come bisogna procedere?

​Il messaggio è soltanto informativo e non bloccante. Pertanto, se la richiesta di abilitazione è stata già “INVIATA”, cliccando su “ok” si potrà procedere con l’inserimento della “proposta di emissione ordinaria”.

Come devo compilare sul portale web ECV i dati sui contatori nella “proposta di emissione ordinaria”?

​Deve essere obbligatoriamente inserito il/i contatore/i di produzione lorda afferente all’impianto qualificato IAFR coerentemente con quanto riportato nel quadro A della Dichiarazione Annuale dei Consumi trasmessa all’Agenzia delle Dogane o nella Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da compilare per gli impianti non soggetti alla presentazione della Dichiarazione Annuale dei Consumi.
Andranno inoltre inseriti, se disponibili, il/i contatore/i relativi ai servizi ausiliari e/o all’energia immessa in rete.

Dove si possono reperire gli allegati per la proposta di emissione?

​​I documenti richiesti da allegare, debitamente compilati, sono reperibili sul sito www.gse.it nella sezione “Qualifiche e Certificati” > Certificati Verdi> Rilascio e Ritiro Certificati.

Come posso avere dei chiarimenti in merito alla modalità di definizione della produzione netta utilizzata per il calcolo dei CV emessi dal GSE?

Sarà possibile verificare il metodo di definizione della produzione netta direttamente nella sezione “proposte di emissione ordinaria” sul portale web ECV. Infatti, cliccando nel dettaglio delle proposte di emissione ordinaria in stato “APPROVATA”, quindi solo a valle dell’effettiva emissione dei CV spettanti, sarà possibile visualizzare qual è il metodo di calcolo della produzione netta

Perché devo compilare la “Richiesta di Abilitazione” o “Proposta di Avvio Incentivo” per ottenere i CV?

​La compilazione, sul portale web ECV, è propedeutica all’adeguamento a quanto indicato nell’articolo 20 comma 2 del DM 6 luglio 2012, che prevede che il GSE, su richiesta del produttore rilasci i Certificati Verdi a partire dalle misure trasmesse mensilmente dal gestore di rete. Le informazioni richieste sono dunque necessarie al fine di definire i parametri utili per l’acquisizione delle misure e gli algoritmi di calcolo della produzione netta incentivabile.

Qual è la differenza tra “Richiesta di Abilitazione” e “Proposta di Avvio Incentivo”?

​La richiesta di abilitazione all’incentivo deve essere compilata per tutti gli impianti che abbiano ricevuto Certificati Verdi e che abbiano una qualifica IAFR in corso di validità.
La proposta di avvio incentivo deve essere compilata per tutti gli impianti che non hanno ancora percepito Certificati Verdi e che siano dichiarati in esercizio a valle della verifica del referente tecnico della qualifica IAFR.
La corretta compilazione della richiesta di abilitazione/proposta di avvio incentivo è propedeutica alla richiesta di emissione CV.

È necessario compilare la “Richiesta di Abilitazione” e “Proposta di Avvio Incentivo” ogni volta che richiedo l’emissione di CV?

​No, è necessario compilarla solo in occasione della prima richiesta ed eventualmente trasmettere nuovamente la documentazione completa qualora dall’analisi risultasse qualche carenza.

Dove si trovano la “proposta di avvio incentivo” e la “richiesta di abilitazione” sul portale web ECV?

​Nel menù Proposte abilitazione, selezionando la voce “richiesta di abilitazione” o “proposta di avvio incentivo”.

Qual è il termine ultimo previsto per la presentazione della proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione e per la richiesta di emissione CV?

​Per la compilazione della proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione non è previsto alcun termine di scadenza, ferma restando la propedeuticità per l’ottenimento dei CV.

Dove posso trovare informazioni sui dati da inserire nei campi richiesti nella proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione?

​Posizionando il puntatore del mouse su ciascun campo della scheda dati e cliccando sul punto interrogativo, si apre un pop-up illustrativo della voce con la relativa spiegazione.

Cosa si intende per codice UP/UPR, PVG, PVI e PVP?

​Sono codici identificativi dell’Unità di Produzione (UP) secondo quanto riportato nel sistema di Gestione delle Anagrafiche Uniche Degli Impianti di produzione e delle relative unità di Terna (GAUDÌ). I codici  UP si differenziano in base alla potenza, in genere:
per potenze inferiori a 10 MW si dovrà inserire il codice UPNR (UP Non Rilevanti struttura codice UPN_SAPR_0X);
per potenze superiori a 10 MW si dovrà inserire il codice UPR (UP Rilevanti struttura codice UP_XXXX_X).
PVG: Punto virtuale di generazione
PVP: Punto virtuale di prelievo
PVI:  Punto virtuale di immissione.
I codici PVG, PVI e PVP sono reperibili, se disponibili, sul portale GAUDÌ di Terna e sono campi facoltativi nella richiesta di abilitazione e proposta di avvio incentivo. Al contrario i codici UP/UPNR sono campi obbligatori.

Cosa si intende e come si genera per “Dichiarazione sostitutiva generata dal sistema”?

​Per Dichiarazione sostitutiva generata dal sistema si intende la lettera di accompagnamento alla proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione da allegare unitamente agli altri documenti richiesti.
Tale Dichiarazione viene generata automaticamente cliccando su “Genera Dichiarazione” nella sezione “Allegati” della proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione. La Dichiarazione dovrà essere stampata, firmata dal rappresentante legale e reinserita come allegato in corrispondenza della voce Dichiarazione sostitutiva generata dal sistema.

Al fine di ultimare la richiesta di abilitazione, per alcuni impianti il sistema richiede di completare le attività su MIFR. Cos’è, a cosa serve e chi si può contattare per eventuali informazioni a riguardo?

​La compilazione del modulo MIFR è richiesta per i soli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili; in tal caso l’emissione dei CV è condizionata all’esito della verifica, da parte del GSE, circa gli adempimenti richiesti al Produttore ai fini dell’attuazione della deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas ARG/elt 4/10.
Il numero verde da contattare è il seguente: 800.19.99.89

Qual è la procedura per registrarsi come nuovo utente di ECV?

Per accedere al portale web ECV, è necessario essere registrati sul portale GWA del GSE, disponibile al link: https://applicazioni.gse.it/GWA_UI/
Una volta ottenute USER-ID e PASSWORD si dovrà sottoscrivere l’applicazione ECV e compilare tutti i campi che verranno richiesti al primo accesso. Si ricorda che il primo accesso sul portale web ECV, anche a valle della sottoscrizione dell’applicazione stessa sul portale GWA, è possibile solo nel caso di impianti qualificati IAFR nella titolarità del produttore già classificati come in esercizio da parte del referente tecnico della qualifica.
Qualora il sistema non permettesse l’accesso al portale web ECV comparirà il messaggio “non si è autorizzati ad accedere all’applicazione”, verificare l’avvenuta messa in esercizio dell’impianto ai fini del percepimento degli incentivi da parte del referente tecnico del GSE.

Qual è la procedura in caso di smarrimento di USER-ID o PASSWORD?

Sul portale GWA si potrà utilizzare l’apposita funzionalità “Recupera Userid” e “Recupera password” disponibili nella sezione “Home”.

Come mi comporto quando nella Dichiarazione generata dal sistema della richiesta di abilitazione non compare il nome del rappresentante legale?

Accedendo al portale GWA con le proprie USER_ID e PASSWORD, dal sito GSE, sarà possibile compilare il campo relativo al legale rappresentante dell’operatore.

Esiste una guida per la compilazione della proposta di avvio incentivo/richiesta di abilitazione e richiesta di emissione ordinaria dei CV?

Sul sito www.gse.it nella sezione “Qualifiche e Certificati” > Certificati Verdi> Rilascio e Ritiro Certificati è possibile reperire il “Manuale d’uso ECV” e la “Procedura applicativa per l’emissione, la gestione e il ritiro dei Certificati Verdi”.

Dove si possono reperire gli allegati per la richiesta di abilitazione/proposta di avvio incentivo?

​I documenti da allegare, debitamente compilati, sono reperibili sul sito www.gse.it nella sezione “Qualifiche e Certificati” > Certificati Verdi> Rilascio e Ritiro Certificati.

Cerco di registrare la richiesta di abilitazione/proposta di avvio incentivo, ma dopo averla registrata la stessa non appare tra le richieste inviate?

​Il sistema non prende in carico le richieste qualora risultino fra gli allegati file protetti da password. Si prega dunque di verificare sempre che i file in allegato non siano protetti.

Chi può accedere alla Tariffa Onnicomprensiva ai sensi del DM 18/12/2008?

​L’energia elettrica immessa in rete, prodotta mediante impianti alimentati da fonti rinnovabili, con esclusione della fonte solare, di “potenza nominale media annua” non superiore ad 1 MW (200 kW nel caso degli eolici on-shore) entrati in esercizio dopo il 31/12/2007, a seguito di potenziamento, rifacimento totale o parziale, riattivazione o nuova costruzione, ha diritto per un periodo di 15 anni, in alternativa ai Certificati Verdi e su richiesta del produttore, a una tariffa fissa onnicomprensiva diversificata per tipologia di fonte secondo quanto riportato nella Tabella 3 della Legge 24 dicembre 2007, n. 244.

Quali sono le modalità per accedere alla Tariffa onnicomprensiva?

​Il diritto di opzione tra i Certificati Verdi e la Tariffa Onnicomprensiva è esercitato all’atto della richiesta di qualifica IAFR presentata al GSE. E’ consentito, prima della fine del periodo d’incentivazione, un solo passaggio da un sistema incentivante all’altro, in tal caso la durata del periodo di diritto al nuovo sistema di incentivante è ridotta del periodo già fruito con il precedente sistema.
Per gli operatori che hanno già sottoscritto una convenzione di Ritiro Dedicato, l’unica modalità di richiesta di conguaglio a tariffa onnicomprensiva a partire dal 1°ottobre 2012 è attraverso l’accesso al portale RID nella sezione Convenzioni/Convenzioni esistenti/Dettaglio convenzione/Invio Documenti. Mediante il portale sarà, infatti, possibile scaricare tale richiesta di conguaglio, firmarla e ricaricarla nell’apposita sezione. Per tutti gli operatori che invece non hanno una convenzione RID attiva, dovranno comunque sottoscrivere l’applicativo RID, indicando esplicitamente di  voler accedere all’incentivo con Tariffa Onnicomprensiva. Sarà possibile effettuare la richiesta solo a valle della dichiarazione in esercizio dell’impianto da parte del referente tecnico GSE per la qualifica IAFR.

Questa pagina è stata aggiornata il 06/02/2014