contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Solare

fotovoltaico, fotovoltaico a concentrazione, solare termodinamico, GW, MW, kW

 
Le tecnologie

L’energia proveniente dai raggi solari è la maggiore fonte di energia del pianeta: la potenza media dell’energia solare che investe la Terra è di circa 90 milioni di GW. L’energia solare però è poco concentrata e le tecnologie finora sviluppate per lo sfruttamento di questa fonte non hanno ancora raggiunto alti livelli di efficienza.
L’energia solare può essere sfruttata per il riscaldamento e il raffrescamento, grazie ai pannelli solari termici, oppure per produrre energia elettrica attraverso la tecnologia fotovoltaica o la tecnologia solare termodinamica.
 

Gli impianti solari fotovoltaici 

La tecnologia fotovoltaica consente di trasformare direttamente in energia elettrica l'energia contenuta nella radiazione solare. Vengono sfruttati per questo scopo particolari materiali che, se opportunamente trattati, generano elettricità quando sono colpiti dalla radiazione luminosa (effetto fotovoltaico). Il materiale più utilizzato è il silicio.
Il silicio viene utilizzato per la costruzione delle celle fotovoltaiche, collegate fra di loro per costituire il modulo fotovoltaico. I moduli possono essere combinati insieme per costruire l’impianto fotovoltaico. Più alto è il numero di moduli impiegati e maggiore è la potenza dell’impianto che, in generale, va dai pochi kW degli impianti domestici, alle centinaia di kW per quelli posti sulle coperture di capannoni, fino a diversi MW soprattutto nel caso di impianti installati direttamente a terra.
Un impianto fotovoltaico produce elettricità per 20-25 anni, con poche necessità di manutenzione e un’ottima resistenza agli agenti atmosferici.
Esiste una particolare tipologia di impianti fotovoltaici, i cosiddetti “impianti fotovoltaici a concentrazione”, composti principalmente da un insieme di moduli in cui la luce del sole è concentrata, tramite sistemi ottici, su celle fotovoltaiche.

Gli impianti solari termodinamici

Attraverso la tecnologia solare termodinamica, i raggi solari sono concentrati tramite specchi e convogliati per scaldare un fluido ad alta temperatura. Il fluido riscaldato, trasportato in un serbatoio di accumulo, alimenta una centrale elettrica che, come una centrale tradizionale, sfrutta il calore per produrre elettricità.
Sono attualmente in funzione diversi tipi di impianti solari termodinamici: in alcuni casi sono impiegati specchi parabolici o piani, che concentrano il calore verso un tubo attraversato dal fluido; in altri casi vengono utilizzati specchi piani che convogliano i raggi solari verso un unico punto posto in cima a una torre molto alta.
A differenza degli impianti fotovoltaici, gli impianti solari termodinamici sfruttano essenzialmente la radiazione solare diretta e poco quella diffusa; per questo motivo la loro applicazione risulta efficace solo in zone in cui il clima per una buona parte dell’anno si presenta in prevalenza sereno.
 
 
Gli incentivi

Il meccanismo d'incentivazione dedicato agli impianti solari fotovoltaici e solari termodinamici si chiama Conto Energia. Quest'ultimo consiste in una valorizzazione incentivata dell’energia elettrica ottenuta dalla conversione della fonte solare. Il Conto Energia ha cessato di applicarsi il 6 Luglio 2013, ovvero decorsi 30 giorni solari dalla data di raggiungimento di un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi di 6,7 miliardi di euro, comunicata dall'AEEG con la deliberazione 250/2013/R/EFR.
  
 

Il V CONTO ENERGIA è alternativo rispetto allo Scambio sul Posto e il Ritiro dedicato 

Le tariffe incentivanti previste dal Quinto Conto Energia sono alternative rispetto ai meccanismi dello scambio sul posto, del ritiro dedicato e - per i soli impianti di potenza fino a 1 MW - della cessione dell’energia al mercato.

 

Come funziona

Il Quinto Conto Energia remunera con una tariffa omnicomprensiva la quota di energia netta immessa in rete e con una tariffa premio la quota di energia netta consumata in sito. In particolare:

  • sulla quota di produzione netta autoconsumata è attribuita una tariffa premio;
  • sulla quota di produzione netta immessa in rete:
    - per gli impianti di potenza nominale fino a 1 MW è attribuita una tariffa omnicomprensiva, determinata sulla base della potenza e della tipologia dell’impianto;
    - per gli impianti di potenza nominale superiore a 1 MW, è riconosciuta la differenza, se positiva, fra la tariffa omnicomprensiva e il prezzo zonale orario. Nei casi in cui il prezzo zonale orario sia negativo, tale differenza non può essere superiore alla tariffa omnicomprensiva applicabile all’impianto in funzione della potenza, della tipologia e del semestre di riferimento. L’energia prodotta dagli impianti di potenza nominale superiore a 1 MW resta nella disponibilità del produttore. I prezzi zonali orari mensili possono essere consultati sul sito del GME.

Nel caso di un impianto con autoconsumo, la remunerazione complessiva sarà data dalla somma della tariffa omnicomprensiva sulla quota di produzione netta immessa in rete e della tariffa premio sulla quota di produzione netta consumata.
I valori delle due tariffe (omnicomprensiva e premio), sono progressivamente decrescenti per i semestri d’applicazione del Quinto Conto Energia.

La tariffa spettante - corrispondente a quella vigente alla data di entrata in esercizio dell’impianto - è riconosciuta per un periodo di 20 anni, a partire dalla data di entrata in esercizio e rimane costante in moneta corrente per tutto il periodo dell’incentivazione. Il periodo d’incentivazione è considerato al netto di eventuali fermate disposte in seguito a problematiche connesse alla sicurezza della rete e a eventi calamitosi, riconosciuti come tali dalle autorità competenti.

 Maggiorazioni delle tariffe

Le tariffe omnicomprensive e le tariffe premio sull’energia consumata in sito sono incrementate, limitatamente agli impianti fotovoltaici e agli impianti integrati con caratteristiche innovative, nei seguenti casi tra loro cumulabili:

• per impianti con componenti principali (moduli e inverter) realizzati unicamente all’interno di un Paese che risulti membro dell’Unione Europea o dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia).

• per impianti realizzati su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto.

 

Requisiti dei soggetti e degli impianti

Possono beneficiare del Conto Energia le persone fisiche, le persone giuridiche, i soggetti pubblici, gli enti non commerciali e i condomini di unità abitative e/o di edifici.
Le tariffe incentivanti del Quinto Conto Energia sono riconosciute alle seguenti tipologie tecnologiche:

1. impianti fotovoltaici, con tariffe differenziate tra impianti “su edifici” e “altri impianti”.
2. impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
3. impianti fotovoltaici a concentrazione;

Gli interventi ammessi per richiedere le tariffe incentivanti sono quelli di nuova costruzione, rifacimento totale o potenziamento, così come definiti dal Decreto. 

Impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici sono distinti in due tipologie di intervento:


1. gli impianti fotovoltaici “su edifici”, installati in conformità alle modalità di posizionamento indicate nell’Allegato 2 del Decreto e meglio specificate nell’Appendice C delle Regole Applicative;

2. gli “altri impianti fotovoltaici”, ovvero tutti gli impianti fotovoltaici che non ricadono nella precedente tipologia, inclusi gli impianti a terra.

Il Decreto stabilisce che gli impianti fotovoltaici fino a 200 kW i cui soggetti pubblici responsabili siano Enti locali (definiti dall’art.2, comma 1 e 2 del D.lgs n.267/2000) ricevono la tariffa, più vantaggiosa, destinata agli impianti realizzati “su edifici”, indipendentemente dalle effettive caratteristiche d’installazione degli impianti. 

Tariffe per impianti fotovoltaici

Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel primo semestre di applicazione del V Conto Energia
 
Impianti sugli edifici
altri impianti fotovoltaici
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 3
208
126
201
119
3 < P <= 20
196
114
189
107
20 < P <= 200
175
93
168
86
200 < P < 1000
142
60
135
53
1000 < P <= 5000
126
44
120
38
P > 5000
119
37
113
31
 
Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel secondo semestre di applicazione del V Conto Energia
Impianti sugli edifici
altri impianti fotovoltaici
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 3
182
100
176
94
3 < P <= 20
171
89
165
83
20 < P <= 200
157
75
151
69
200 < P < 1000
130
48
124
42
1000 < P <= 5000
118
36
113
31
P > 5000
112
30
106
24

Pergole, serre, barriere acustiche, tettoie e pensiline

Gli impianti i cui moduli costituiscono elementi costruttivi di pergole, serre, barriere acustiche, tettoie e pensiline hanno diritto ad una tariffa pari alla media aritmetica fra la tariffa spettante agli impianti fotovoltaici  “su edifici” e quella spettante agli “altri impianti fotovoltaici”. Alla stessa tariffa sono ammessi gli impianti realizzati su fabbricati rurali che siano accatastati prima della data di entrata in esercizio dell’impianto fotovoltaico secondo le categorie catastali A/6, C/6 e D/10. 

 

Impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative

Gli impianti fotovoltaici di potenza non inferiore a 1 kW e non superiore a 5 MW realizzati secondo le previsioni del DM 5 luglio 2012, che rispettino tutti i requisiti indicati nel Decreto e che utilizzino moduli non convenzionali e componenti speciali, sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici di edifici, energeticamente certificabili secondo la normativa nazionale, hanno diritto alle tariffe incentivanti relative agli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative
Gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative possono accedere direttamente alle tariffe incentivanti fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€. 

Moduli e componenti con caratteristiche innovative

Possono accedere alle tariffe incentivanti gli impianti fotovoltaici che utilizzano moduli e componenti con le seguenti caratteristiche:

1. moduli e componenti speciali, sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici di edifici, energeticamente certificabili, quali:
• coperture degli edifici;
• superfici opache verticali;
• superfici trasparenti o semitrasparenti sulle coperture;
• superfici apribili e assimilabili quali porte, finestre e vetrine anche se non apribili comprensive degli infissi;

2. moduli e componenti che abbiano significative innovazioni di carattere tecnologico

3. moduli progettati e realizzati industrialmente per svolgere, oltre alla produzione di energia elettrica anche funzioni architettoniche fondamentali quali:
• protezione o regolazione termica dell’edificio, ovvero il componente deve garantire il
• mantenimento dei livelli di fabbisogno energetico dell’edificio;
• tenuta all’acqua e impermeabilizzazione della struttura edilizia sottesa;
• tenuta meccanica comparabile con l’elemento edilizio sostituito.
I moduli dovranno, inoltre, essere installati secondo le seguenti modalità:

1. i moduli devono sostituire componenti architettonici degli edifici;

2. i moduli devono comunque svolgere una funzione di rivestimento di parti dell’edificio, altrimenti svolta da componenti edilizi non finalizzati alla produzione di energia elettrica;

3. da un punto di vista estetico, il sistema fotovoltaico deve comunque inserirsi armoniosamente nel disegno architettonico dell’edificio. 

Tariffe per impianti fotovoltaici con caratteristiche innovative

Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel primo semestre di applicazione del V Conto Energia
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 20
288
186
20 < P <= 200
276
174
P > 200
255
153
 
Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel secondo semestre di applicazione del V Conto Energia
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 20
242
160
20 < P <= 200
231
149
P > 200
217
135
 

Impianti fotovoltaici a concentrazione

Gli impianti fotovoltaici a concentrazione di potenza non inferiore a 1 kW e non superiore a 5 MW, realizzati secondo le previsioni del DM 5 luglio 2012 e che rispettino tutti i requisiti prescritti nel Decreto, hanno diritto a specifiche tariffe incentivanti.
Possono beneficiare delle tariffe incentivanti esclusivamente le persone giuridiche e i soggetti pubblici.
Con il Quinto Conto Energia gli impianti fotovoltaici a concentrazione possono accedere direttamente alle tariffe incentivanti, fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€.

Moduli e componenti con caratteristiche innovative 

Per «fattore di concentrazione» è inteso il valore minimo fra il fattore di concentrazione geometrico e quello energetico così come indicato nella Guida CEI 82-25.
Il fattore di concentrazione geometrico e energetico devono essere certificati da un attestato rilasciato al produttore dei moduli da un laboratorio accreditato. L’attestato dovrà essere allegato dal Soggetto Responsabile alla richiesta di incentivazione.

• Per accedere integralmente alle tariffe previste per gli impianti fotovoltaici a concentrazione, il fattore di concentrazione deve essere pari almeno a 10 “soli”.
• Per impianti con fattore di concentrazione compreso tra 3 e 10 “soli” le stesse tariffe sono ridotte del 10%.
• Gli impianti fotovoltaici a concentrazione, con fattore di concentrazione inferiore a 3 “soli”, sono equiparati agli impianti fotovoltaici e qualora ne ricorrano le condizioni sottoposti, ove ne ricorrano le condizioni, alle procedure per l’accesso agli incentivi di cui all’articolo 4 del DM 5 luglio 2012 (impianti a Registro).​

Tariffe per impianti fotovoltaici a concentrazione

Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel primo semestre di applicazione del V Conto Energia
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 20
259
157
20 < P <= 200
238
136
P > 200
205
103
 
Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio nel secondo semestre di applicazione del V Conto Energia
Intervallo di potenza [kW]
Tariffa omnicomprensiva [€/MWh]
Tariffa premio sull'energia consumata in sito [€/MWh]
1 <= P <= 20
215
133
20 < P <= 200
201
119
P > 200
174
92

 

CONTO ENERGIA SOLARE TERMODINAMICO

Cosa è

Il meccanismo di incentivazione in Conto energia per gli impianti solari termodinamici, regolato dal D.M. 11 Aprile 2008 e dalle successive modifiche apportate dal D.M. 6 luglio 2012, remunera, con apposite tariffe incentivanti, l’energia elettrica prodotta da un impianto solare termodinamico, per un periodo di 25 anni.
Nel caso di impianti ibridi, cioè alimentati sia da fonte solare che da altre fonti, solo l’energia elettrica derivante da fonte solare è incentivata con le tariffe del Conto energia.

Come funziona

Possono accedere all’incentivazione prevista dal D.M. 11 Aprile 2008, come modificato dal D.M. 6 luglio 2012, gli impianti solari termodinamici, anche ibridi, di nuova costruzione ed entrati in esercizio in data successiva al 18 luglio 2008 (data di emanazione della delibera attuativa AEEG 95/08), che rispettano i seguenti requisiti:

• non utilizzano come fluido termovettore o come mezzo di accumulo sostanze e preparati classificati come molto tossici, tossici e nocivi ai sensi delle direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e loro successive modificazioni  (se il sito di ubicazione dell’impianto è in area industriale non è richiesto il predetto requisito);
• sono dotati di un sistema di accumulo termico con capacità nominale superiore a 1,5 kWh/m2 e di una superficie captante maggiore di 2.500 m2 per impianti entrati in esercizio entro il 31/12/2012;
• per impianti entrati in esercizio in data successiva al 31/12/2012 quelli previsti nella seguente tabella:

Superficie captante (m2)
​​Capacità nominale di accumulo per ogni m2 di superficie captante (kWh/m2)
>50.000
> 1,5
10.000 < S 50.000
> 0,4
10.000
Non previsto

 

 • sono collegati alla rete elettrica (o a piccole reti isolate) e ogni singolo impianto è caratterizzato da un unico punto di connessione.

I Decreti prevedono, inoltre:

• un limite massimo di potenza incentivabile, ivi inclusa la parte solare per gli impianti ibridi, pari a  2.500.000 m2 di superficie captante;
• tariffe differenziate in base alla frazione d’integrazione della produzione non attribuibile alla fonte solare e, a partire dal 31/12/2012, legate al valore della superficie di captazione (soglia di 2500 m2)  

Quanto vale

Le tariffe incentivanti per gli impianti solari termodinamici sono riconosciute per un periodo di 25 anni dall’entrata in esercizio dell’impianto e variano:

• in funzione della frazione d’integrazione - ovvero della percentuale di energia elettrica prodotta annualmente da fonte non solare;
• in funzione della superficie captante - ovvero della somma delle aree di tutti i captatori solari dell’impianto solare termodinamico, anche ibrido;

Gli incentivi vengono, quindi, riconosciuti per l’energia elettrica prodotta dall’impianto esclusivamente per la produzione solare imputabile, misurata da un gruppo di misura posizionato a valle dei gruppi generatori interessati. Le tariffe incentivanti si aggiungono ai ricavi derivanti dalla vendita dell’energia elettrica prodotta e immessa in rete. 

Frazione di integrazione 

Si definisce frazione di integrazione (Fint) di un impianto solare termodinamico la quota di produzione netta non attribuibile alla fonte solare, espressa dalla relazione: Fint = 1 – Ps/Pne; dove Ps è la produzione netta di energia elettrica imputabile alla fonte solare e Pne è la produzione di energia netta dell’impianto. 

Tariffe per impianti solari termodinamici

Tariffe per gli impianti entrati in esercizio entro il 31/12/2012
Frazione di integrazione
Frazione di integrazione
Fino a 0,15
280
Tra 0,15 e 0,50
250
Oltre 0,50
220
 
Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio tra il 31/12/2012 e il 31/12/2015 aventi una superficie captante fino ai 2.500 m2
Frazione di integrazione
Frazione di integrazione
Fino a 0,15
360
Tra 0,15 e 0,50
320
Oltre 0,50
300
 
Tariffe per gli impianti che entrano in esercizio tra il 31/12/2012 e il 31/12/2015 aventi una superficie captante superiore ai 2.500 m2
Frazione di integrazione
Frazione di integrazione
Fino a 0,15
320
Tra 0,15 e 0,50
300
Oltre 0,50
270
Per gli impianti entrati in esercizio nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016 le tariffe, relative all’anno 2015, sono decurtate del 5%, per gli impianti entrati in esercizio nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017 le medesime tariffe del 2015  sono decurtate di un ulteriore 5%.
L’incentivo è erogato in acconto dal GSE, salvo conguaglio al termine di ciascun anno solare sulla base della frazione solare effettivamente conseguita nel medesimo anno 

 

Per approfondire

DM 5 luglio 2012

GSE: sezione del sito web dedicata al Quinto Conto Energia

GSE: pagina del sito web dedicata alla Documentazione DM 5 luglio 2012

 

Questa pagina è stata aggiornata il 28/09/2015