contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content
HomeQualifiche e certificatiAutocertificazione dell'obbligo

Autocertificazione dell'obbligo

autocertificazione, importatori, quota prodotta, certificati verdi, IAFR, GO,

Cos’è
 
Il GSE assolve la funzione di accogliere e verificare le autocertificazioni da parte di produttori ed importatori di energia elettrica da fonte convenzionale, soggetti all’obbligo di immissione di una quota annuale di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.
 
 
A chi è rivolto

In linea con quanto previsto dal D.lgs. 79/99 e dalle direttive ministeriali (art. 3 del decreto 24 ottobre 2005), gli importatori e i soggetti responsabili degli impianti che, in ciascun anno, importano o producono da fonti non rinnovabili più di 100 GWh hanno l'obbligo di immettere nel sistema elettrico nazionale, nell'anno successivo, una quota prodotta da impianti da fonti rinnovabili entrati in esercizio o ripotenziati, limitatamente alla producibilita' aggiuntiva, in data successiva al 1° aprile 1999.

Entro il 31 Marzo di ogni anno (n), i soggetti all’obbligo trasmettono al GSE le informazioni necessarie alla quantificazione dell’energia elettrica importata o prodotta da fonte convenzionale soggetta ad obbligo riferita all’anno precedente n-1, nonché i certificati verdi corrispondenti alla quota annuale obbligatoria relativa alla produzione dell’anno n-2.
L’energia rinnovabile da immettere nel sistema elettrico nel rispetto dell’obbligo deve essere prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili (cosiddetti IAFR). Importatori e produttori possono godere del diritto all’esenzione dall’obbligo. Per i produttori, è esente l’energia elettrica prodotta da sistemi di cogenerazione.
Per  l’anno di importazione 2012, in conformità con  quanto previsto dall’art. 25 comma 2 del decreto legislativo 28/2011,  l’energia elettrica importata è  tutta  soggetta all’obbligo.  Pertanto non è possibile esentare le importazioni di energia rinnovabile mediante presentazione delle GO.
 
 
Il ruolo del GSE
 
I soggetti all’obbligo comunicano al GSE i dati relativi alla produzione dell’anno precedente, seguendo le indicazioni riportate sulle Istruzioni Operative “Autocertificazione Obbligo 2013”. Il GSE raccoglie le autocertificazioni, esegue i controlli e successivamente comunica il risultato della verifica.
Nel caso in cui l’esisto sia negativo, il soggetto è obbligato a presentare Certificati Verdi, che possono tra l’altro essere acquistati sul mercato o comprati direttamente dal GSE.
 
In caso di mancato rispetto dell’obbligo o di omessa trasmissione delle informazioni (autocertificazione), il GSE ai sensi del DM. 24 ottobre 2005, comunica all’AEEG i nominativi dei soggetti inadempienti ai quali saranno comminate le sanzioni ai sensi dell’art. 4, comma 3 del D. lgs. 387/03.

 
Come si calcola
 
La Procedura di calcolo dell’energia elettrica soggetta all’obbligo e dei certificati verdi corrispondenti prevede che, il GSE, a seguito di verifica dei dati autocertificati, proceda al calcolo dell’energia elettrica rinnovabile e dei certificati verdi corrispondenti.
La legge n. 244/2007, all’art. 2 comma 147 ha ridotto ad 1 MWh la taglia del certificato verde.
Il calcolo del numero di certificati verdi da immettere nel sistema elettrico nazionale avviene moltiplicando la produzione e l’importazione soggetta ad obbligo ed eccedente i 100 GWh  per la quota percentuale obbligatoria dell’anno di riferimento.

Anno di riferimento​ Quota d'obbligo​ Anno di assolvimento​​
2010 6,05% 2011​
2011 6,80%

2012

2012 7,55%​ 2013
2013 5,03%​ 2014
2014 2,52%​ 2015
​2015 ​0,00% ​2016

 

La riduzione lineare della quota dell’obbligo è prevista dal Dlg 28/2011.Il GSE, entro il 31 marzo dell’anno n, verifica che tutti gli operatori abbiano adempiuto all’obbligo, rendendo disponibile sul relativo conto, il corrispondente quantitativo di certificati verdi per l’annullamento.
L’esito della verifica è notificato dal GSE agli interessati con lettera raccomandata entro il 30 aprile del mese n; in caso di esito negativo il soggetto obbligato ha a disposizione ulteriori 30 giorni per adempiere, provvedendo all’acquisto dei certificati verdi necessari.

Cerca termini

Questa pagina è stata aggiornata il 04/03/2014