contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Evoluzione normativa CAR

risparmio di energia, IRE, limite tecnico, LT, CAR, PES, certificati bianchi

​Il Decreto Legislativo 16 marzo 1999, n° 79  ha dato mandato all'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (di seguito Autorità) di definire a quali condizioni la produzione combinata di energia elettrica e calore può chiamarsi cogenerazione e godere dei relativi benefici di legge.

L'Autorità ha pertanto emanato, il 19 marzo 2002, la deliberazione n. 42/02 che stabilisce che un impianto produce con caratteristiche di cogenerazione quando alcune grandezze caratteristiche del proprio funzionamento, quali il suo Indice di Risparmio di Energia (IRE) e il suo Limite Termico (LT), sono rispettivamente maggiori di due valori limite fissati nella deliberazione stessa, rivista e integrata da successive deliberazioni.

Il Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva Europea 2004/8/CE ha introdotto il nuovo concetto di Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR), definendo nuovi criteri per la definizione della stessa, basati su un unico parametro: il PES (Primary Energy Saving). Le modalità operative per il riconoscimento CAR e i dati necessari per il calcolo del PES sono descritti nel DM 4 agosto 2011, che integra il Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20.

Dal disposto del citato Decreto Legislativo n. 20 risulta inoltre che, a partire dal 1° gennaio 2011, le condizioni per il riconoscimento della CAR coincidono con quelle definite dallo stesso Decreto.

I principali benefici che la legislazione attuale riconosce alla Cogenerazione ad Alto Rendimento sono:

  • l’esonero dall’obbligo di acquisto dei certificati verdi previsto per i produttori e gli importatori di energia elettrica con produzioni e importazioni annue da fonti non rinnovabili eccedenti i 100 GWh (art. 11, commi 1, 2 e 3 del Decreto Legislativo 16 marzo 1999, n.79);
  • la precedenza, nell’ambito del dispacciamento, dell’energia elettrica prodotta da cogenerazione rispetto a quella prodotta da fonti convenzionali (art. 11, comma 4 del Decreto Legislativo 16 marzo 1999, n.79);
  • la possibilità per gli impianti di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento di accedere, solo transitoriamente e a determinate condizioni, ai certificati verdi (art. 14 del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20);
  • la possibilità di ottenere, nel caso in cui l’impianto sia realizzato da società di servizi energetici o da distributori di energia elettrica e gas, i Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi) istituiti dai Decreti 20 luglio 2004 del Ministero delle Attività Produttive, di concerto con il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio;
  • le agevolazioni fiscali sull’accisa del gas metano utilizzato per la cogenerazione (Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 aggiornato dal Decreto Legislativo 2 febbraio 2007, n. 26);
  • la possibilità di accedere al servizio di scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta da impianti di Cogenerazione ad Alto Rendimento con potenza nominale fino a 200 kW (deliberazione dell’Autorità del 3 giugno 2008 – ARG/elt 74/08 e s.m.i.);
  • la possibilità di applicare condizioni tecnico-economiche semplificate per la connessione alla rete elettrica, come definite dall’Autorità con la deliberazione n. ARG/elt 99/08.

Ai sensi dell’art. 6 del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, le unità di cogenerazione riconosciute ad alto rendimento accedono anche al meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi) secondo le modalità indicate dal DM 5 settembre 2011.

Il Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 ha peraltro posto le condizioni per il rilascio della garanzia d’origine all’energia elettrica prodotta dagli impianti funzionanti in Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR).

Il GSE ha inoltre predisposto la procedura per il rilascio della GOc prevista dall’art.4 del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 che è stata approvata dal Ministero dello Sviluppo Economico con Decreto del 6 novembre 2007.
 
Infine, il GSE ha predisposto le procedure tecniche per la qualifica degli impianti di cui al Decreto Ministeriale del 24 ottobre 2005: “Direttive per la regolamentazione della emissione dei certificati verdi alle produzioni di energia di cui all’articolo 1, comma 71, della legge 23 agosto 2004, n. 239”, in materia di regolamentazione della produzione di energia da impianti alimentati a idrogeno, celle a combustibile e di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento e in materia di promozione e incentivazione mediante certificati verdi.
 
Tali procedure recepiscono sia quanto disposto dal Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (articolo 14) per gli impianti di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento sia quanto disposto dalla Legge Finanziaria 27 dicembre 2006, n. 296 (articolo 1 commi da 1117 a 1120) per gli impianti che utilizzano l’idrogeno e celle a combustibile.
 

Normativa

Cerca termini

Questa pagina è stata aggiornata il 27/03/2012