contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content
HomeQualifiche e certificatiQualificazione impianti

Qualificazione impianti

qualificazione impianti, IAFR, fonti rinnovabili

Cos’è 

La qualificazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili (Qualifica IAFR), disciplinata dal DM 18/12/2008, è un prerequisito necessario per l’ottenimento dei Certificati Verdi (CV), in funzione dell’energia elettrica netta prodotta, o per l’accesso alla Tariffa incentivante Onnicomprensiva (TO), in funzione dell’energia elettrica netta prodotta ed immessa in rete.

La normativa vigente ha assegnato al GSE il compito di qualificare gli impianti di produzione alimentati da fonti rinnovabili, una volta accertato il possesso dei requisiti previsti dalla normativa di riferimento.


Le fonti rinnovabili per la qualificazione IAFR
  

Ai fini della qualificazione IAFR, le fonti rinnovabili sono quelle definite all’art. 2 della Direttiva Europea 2009/28  sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili:
 
“energia da fonti rinnovabili”: energia proveniente da fonti rinnovabili non fossili, vale a dire energia eolica, solare, aerotermica, geotermica, idrotermica e oceanica, idraulica, biomassa, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas;
“energia aerotermica”: l’energia accumulata nell’aria ambiente sotto forma di calore;
“energia geotermica”: energia immagazzinata sotto forma di calore sotto la crosta terrestre;
“energia idrotermica”: l’energia immagazzinata nelle acque superficiali sotto forma di calore;
“biomassa”: la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani.
 
Classificazione degli impianti
 
Per impianto di produzione alimentato da fonti rinnovabili si intende il sistema integrato di opere e macchinari finalizzati alla produzione di energia elettrica costituito da uno o più gruppi di generazione.
Le tipologie degli impianti di produzione (con relative sub-tipologie degli impianti) alimentati da fonti rinnovabili che possono richiedere la qualificazione IAFR, sono riportate nella seguente tabella:

CLASSIFICAZIONE IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

TIPOLOGIA IMPIANTO​ SUB-TIPOLOGIA IMPIANTO​ FONTE​
​ Idroelettrico​
  • Acqua Fluente
  • A Serbatoio
  • A Bacino
  • Acquedotto​
Risorse idriche​
​ Eolico​
  • On – Shore
  • Off – Shore​
Vento​
​ Geotermoelettrico​ Risorse geotermiche​
​ Solare​
  • Fotovoltaico
  • Fototermoelettrico​
Sole​
​ Termoelettrico​
  • A vapore
  • A combustione interna
  • A ciclo combinato
  • A gas
  • Altro​
Biomasse1
Biogas2
Ibrido*​
  • Co-combustione**
  • Altro​
Fonte Convenzionale
+
Fonte Rinnovabile​
​ Marino​ Maree​
Moto ondoso​
​* Gli impianti Ibridi sono impianti che producono energia elettrica utilizzando sia fonti non rinnovabili, sia fonti rinnovabili, inclusi gli impianti di co-combustione.
** Per co-combustione si intende la combustione contemporanea di combustibili non rinnovabili e di combustibili, solidi, liquidi o gassosi, ottenuti da fonti rinnovabili. La sub-tipologia di impianto è la stessa degli impianti termoelettrici.​
 
Impianti che possono richiedere la qualifica IAFR
 
La qualifica IAFR può essere richiesta, inviando la documentazione alla Direzione Ingegneria del GSE (00197 Roma - V.le Maresciallo Pilsudski, 92), dai titolari di impianti:

a) alimentati da fonti rinnovabili, anche ibridi, entrati in esercizio successivamente al 1° aprile 1999, ed entro il 31 dicembre 2012, a seguito di nuova costruzione, potenziamento, rifacimento totale o parziale e riattivazione;

b) entrati in esercizio prima del 1° aprile 1999 che, entro il 31 dicembre 2012, abbiano operato come centrali ibride rispettando le condizioni specifiche previste nel  DM 18 dicembre 2008;

c) previsti dai progetti di riconversione del settore bieticolo-saccarifero approvati dal Comitato Interministeriale di cui all’art. 2 del Decreto Legge 10 gennaio 2006, n. 2, convertito, con modificazioni, dalla Legge 11 marzo 2006, n. 81, senza l’applicazione delle riduzioni di cui alla lettera b) del comma 1, art. 30 del DM 6 luglio 2012;
Per gli impianti ricompresi nelle tre casistiche soprariportate, i tempi di presentazione dell’istanza e la validità della qualifica IAFR sono definiti all’art. 4 , commi 2 e 5 del DM 18 dicembre 2008.
d) dotati di titolo autorizzativo antecedente all’11 luglio 2012 (data di entrata in vigore del DM 6 luglio 2012) ed entrati in esercizio entro il 30 aprile 2013, ovvero, per i soli impianti alimentati da rifiuti di cui all’articolo 8, comma 4, lettera c) del DM 6 luglio 2012, entro il 30 giugno 2013. Ai fini dell’accesso agli incentivi di cui al DM 18 dicembre 2008, i produttori, pena l'inammissibilità agli incentivi, erano tenuti a:

- comunicare al GSE la data di entrata in esercizio entro il mese successivo alla data di entrata in esercizio;
- presentare la domanda per il riconoscimento della qualifica di cui all’articolo 4 del medesimo DM 8/12/2008 entro e non oltre il sesto mese successivo alla data di entrata in esercizio.

A tali impianti sono state applicate le decurtazioni sulla tariffa omnicomprensiva o sui coefficienti moltiplicativi per i Certificati Verdi previste nell'art.30, comma 1 del DM 6 luglio 2012;
e) alimentati da fonti rinnovabili realizzati nei o sui fabbricati e quelli in fase di realizzazione, ubicati nelle zone colpite dal sisma del 20 maggio e del 29 maggio 2012, distrutti od oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibili totalmente, o parzialmente, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre  2015, e gli impianti alimentati da fonti rinnovabili, ubicati nelle zone colpite dal summenzionato sisma, già autorizzati alla data del 30 settembre 2012 qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2015, nel rispetto di quanto previsto dal decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2012, n. 122 e successive modificazioni. Al riguardo si rimanda alla News pubblicata il 19/11/2015.

Normativa

Cerca termini

Questa pagina è stata aggiornata il 30/06/2016