contenuto nascosto per l'accessibilita'
Skip Ribbon Commands
Skip to main content
HomeSala stampaNews

News

Gestori di rete: ricognizione ai sensi dell’articolo 13, comma 5 del DM 6 luglio 2012

gestori di rete, riduzione capacità incentivabile, impianti non programmabili
Categoria: GSE Servizi |16 Luglio 2012 Categoria: GSE Servizi | 16/07/2012

 

​Si comunica a tutti gli operatori interessati l’avvio della ricognizione da parte del GSE, prevista ai sensi dell’articolo 13, comma 5 del decreto interministeriale del 6 luglio 2012, relativamente all’evidenza di zone critiche ad elevata concentrazione di impianti non programmabili in esercizio e per le quali i gestori di rete possono proporre motivate misure di riduzione dell’ulteriore capacità incentivabile.

Gli esiti della ricognizione saranno successivamente comunicati dal GSE al Ministero dello Sviluppo Economico che, sentita l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, provvederà ad indicare al GSE eventuali requisiti aggiuntivi per la partecipazione alle procedure d’asta di cui al Titolo III del sopra citato decreto.

A tal fine, i gestori di rete sono invitati a trasmettere al GSE una relazione dettagliata recante “l’evidenza di zone ad elevata concentrazione di impianti non programmabili in esercizio, per le quali si manifestano criticità nella gestione delle reti e per le quali gli stessi gestori propongano motivate misure di riduzione dell’ulteriore capacità produttiva incentivabile” e a compilare il documento allegato con riferimento a ciascuna area e linea critica di propria competenza, definite ai sensi dell’articolo 4 del Testo Integrato delle Connessioni Attiva (di seguito: TICA), specificando almeno le seguenti informazioni:

  • ubicazione delle aree e delle linee critiche, come individuate nel TICA, nell’ultimo aggiornamento disponibile;
  • le motivazioni per le quali si ritengono critiche tali aree/linee;
  • le eventuali tipologie di misure ed interventi infrastrutturali programmati e in fase di realizzazione entro il mese di agosto 2012, per la rimozione o riduzione delle suddette criticità;
  • la numerosità e la potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili in esercizio, suddivisi per fonte;
  • la numerosità e la potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili per i quali il richiedente ha accettato il preventivo di connessione, suddivisi per fonte;
    - la potenza degli impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili ulteriormente installabili rispetto alla potenza relativa ad impianti già in esercizio, laddove disponibile;
  • le eventuali proposte motivate di riduzione di ulteriore capacità produttiva incentivabile al fine di garantire le condizioni in sicurezza della rete;
  • le eventuali ulteriori proposte di misure, tra cui l'adozione di specifiche prescrizioni in termini di prestazione di servizi di rete e protezione a cui gli impianti devono attenersi, volte a garantire le condizioni in sicurezza della rete.

I dati e la documentazione dovranno essere trasmessi dai gestori di rete al GSE entro il mese di luglio 2012, a mezzo lettera. Le informazioni dovranno comunque essere anticipate al seguente indirizzo di posta elettronica areecritiche@gse.it.

Questa pagina è stata aggiornata il 06/02/2014