Accesso

QUANTITA' MASSIMA ANNUA RITIRABILE E GRADUATORIE

Stima della quantità massima annua ritirabile:
Anno 2020

 436.873 CIC

Quantità massima annua ritirabile:
Anno 2019

 388.959 CIC







Per la gestione dell’incentivazione  relativa al biometano avanzato, ogni anno, entro quindici giorni dalla data ultima per la presentazione delle autodichiarazioni da parte dei Soggetti Obbligati, di cui all’articolo 4 del decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10 ottobre 2014 e s.m.i., sulla base delle informazioni ivi contenute, il GSE pubblica una “stima della quantità massima annua ritirabile” per l’anno in corso, espressa in CIC (Certificati di Immissione in Consumo). 

Tale stima è determinata a partire dalla quantità di carburanti fossili immessa in consumo nell’anno precedente da parte dei Soggetti Obbligati aderenti al meccanismo previsto dall’articolo 6 del DM 2 marzo 2018 e dalla percentuale di obbligo avanzato di biometano per l’anno di riferimento.

Il GSE determina, inoltre, il valore della “quantità massima annua ritirabile” per l’anno precedente, espresso in CIC, rideterminato a consuntivo sulla base delle quantità di carburanti fossili realmente immessi in consumo nell’anno di riferimento dai Soggetti Obbligati aderenti al citato meccanismo.

Sulla base della “stima della quantità massima annua ritirabile” il GSE redige una graduatoria stimata degli impianti qualificati in esercizio che richiedono il ritiro dei CIC ed eventualmente del biometano, con evidenza degli impianti rientranti nel meccanismo incentivante.

La “quantità massima annua ritirabile”per l’anno precedente rappresenta invece il riferimento per la redazione della graduatoria definitiva per l’anno precedente.


​ ​

[accordion]
[titolo]

Graduatoria stimata D.M. 02/03/2018 -Biometano avanzato

[/titolo]
[testo]

La graduatoria stimata degli impianti qualificati in esercizio (cfr. paragrafo 2.3 delle Procedure) elenca gli impianti che hanno diritto all’incentivazione di cui all’articolo 6 del Decreto per l’anno di riferimento. La graduatoria viene redatta ordinando gli impianti sulla base della data di entrata in esercizio e stimando il numero massimo di CIC spettanti ad ogni impianto per la produzione di biometano avanzato e per le eventuali maggiorazioni riconosciute sugli impianti di distribuzione e/o liquefazione pertinenti, fino al raggiungimento del 90% della “ stima della quantità massima annua ritirabile”.

Il numero massimo di CIC spettanti ad ogni impianto è determinato sulla base della capacità produttiva qualificata dal GSE e ipotizzando che l’impianto funzioni in maniera continuativa, per un numero teorico di ore pari a 8760. Per gli impianti che entrano in esercizio in corso d’anno tali ore sono riproporzionate rispetto al periodo massimo di funzionamento dell’impianto nell’anno. I CIC relativi alle maggiorazioni vengono conteggiati ipotizzando che tutta la produzione stimata, non ritirata dal GSE, ne sia meritevole.

I CIC riconosciuti per la produzione di biometano avanzato non potranno essere superiori al numero massimo di CIC spettanti, incrementato delle eventuali maggiorazioni per la realizzazione di impianti di distribuzione e/o liquefazione pertinenti.

Le maggiorazioni connesse a eventuali impianti pertinenti che entrino in esercizio successivamente alla data di decorrenza dell’incentivo, così come eventuali incrementi della capacità produttiva dell’impianto, rientrano in graduatoria in posizione separata dall’impianto di produzione a cui si riferiscono.

Nella graduatoria stimata non è possibile, nel caso di superamento dei limiti della “stima della quantità massima annua ritirabile”, includere impianti che vi rientrino solo parzialmente.

Gli impianti non rientranti in graduatoria, per il superamento della “stima della quantità massima annua ritirabile”, avranno diritto al rilascio di CIC ai sensi dell’articolo 5 del Decreto, comprensivi di eventuali maggiorazioni per la realizzazione di impianti di distribuzione e/o liquefazione pertinenti. Tali impianti potranno essere eventualmente inclusi nella medesima graduatoria a seguito della rideterminazione, nell’anno successivo, della quota massima annua ritirabile.


[/testo]
[/accordion]