Accesso

GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE
DELLE NAZIONI UNITE


 

Per identificare gli impatti del valore generato dal GSE è stato scelto di utilizzare come framework di riferimento principale quello dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals – SDGs) e dei 169 target ad essi connessi.

Gli SDGs rappresentano il cuore dell'“Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile", il documento che inquadra le politiche di sviluppo in un'ottica di sostenibilità e che guiderà le scelte strategiche dei Paesi firmatari sia nell'ambito della propria politica nazionale sia a livello di cooperazione internazionale. In tal senso, ogni contributo a supporto dello sviluppo sostenibile del sistema Paese non può che inquadrarsi nell'ambito del framework dell'Agenda 2030 e degli Obiettivi in essa definiti.

Inoltre gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile pongono il mondo delle imprese di fronte alla sfida di rileggere le proprie scelte strategiche e operative al fine di cogliere le opportunità che possono scaturire da un impegno concreto per la promozione di un nuovo modello di sviluppo basato sui paradigmi della sostenibilità economica, sociale e ambientale.

Il GSE ha nella propria mission lo sviluppo della sostenibilità. Questo approccio è connaturato alla nostra natura ma rappresenta anche un forte stimolo per continuare ad agire in maniera responsabile e incisiva, rileggendo tutte le attività in cui siamo coinvolti in funzione degli impatti sui vari ambiti in cui oggi si declina la sostenibilità.

In questa edizione del Bilancio di Sostenibilità, il GSE intende mettere in evidenza i progetti e le attività che contribuiscono concretamente alla realizzazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 e dei relativi Target. A seguito di un’approfondita analisi, sono stati identificati 7 obiettivi su 17 ai quali il GSE contribuisce direttamente e indirettamente attraverso le proprie attività “core”. Grazie all’identificazione degli SDGs è stata successivamente strutturata una mappatura, che descrive il nesso causa-effetto tra le singole aree di azione del GSE e i target SDGs  come rappresentato nell’immagine di seguito esposta.

SDGS 


 
 

End hunger, achieve food security and improved nutrition and promote sustainable agriculture

 
 

Ensure availability and sustainable management of water and sanitation for all

 

Conserve and sustainably use the oceans, seas and marine resources for sustainable development

 
 
 

IL NOSTRO
IMPEGNO


 

[accordion]
[titolo]

SDG # 4. Fornire un'educazione di qualità, equa e inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti

[/titolo]
[testo]

Target 4.7

  • Entro il 2030, assicurarsi che tutti gli studenti acquisiscano le conoscenze e le competenze necessarie per promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso, tra l'altro, l'educazione per lo sviluppo sostenibile e stili di vita sostenibili, i diritti umani, l'uguaglianza di genere, la promozione di una cultura di pace e di non violenza, la cittadinanza globale e la valorizzazione della diversità culturale e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile.

Il nostro impegno

  • Il coinvolgimento delle scuole di ogni ordine e grado è considerato dal GSE uno strumento fondamentale per la crescita nella comunità di una cultura dello sviluppo sostenibile maggiormente consapevole.

Risultati
  • 1.680 studenti formati nel 2020

[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 7. Assicurare a tutti l'accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni

[/titolo]
[testo]

Target 7.1, 7.2, 7.3

  • Entro il 2030, garantire l'accesso universale ai servizi energetici a prezzi accessibili, affidabili e moderni.
  • Entro il 2030, aumentare notevolmente la quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale. 
  • Entro il 2030, raddoppiare il tasso globale di miglioramento dell'efficienza energetica. 

Il nostro impegno

  • Il GSE si impegna nella promozione della conoscenza e graduale diffusione dei meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili e dell'efficienza energetica nel contrasto alla povertà energetica.
  • Il GSE, oltre a promuovere le fonti rinnovabili in Italia, è anche il soggetto responsabile a livello nazionale del monitoraggio del target 7.2.
  • La gestione efficiente delle risorse energetiche rappresenta per il GSE, insieme all'incentivazione delle fonti rinnovabili, un elemento di primaria importanza: è un impegno che mira a lasciare alle generazioni future risorse ambientali in quantità e qualità analoghe a quelle oggi a nostra disposizione.

Risultati:
  • Predisposto un accordo di collaborazione con la Regione Puglia per l'implementazione del reddito energetico regionale
    2.500 tecnici della PA formati

  • 15,2 mld€ le risorse destinate alla promozione della sostenibilità, di cui 11,9 mld€ per l'incentivazione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili
    900 mila impianti rinnovabili e assimilati, per una potenza complessiva di circa 38 GW supportati dal GSE con le convenzioni attive nel settore elettrico.

  • 113.498 domande di Conto Termico pervenute nel 2020, corrispondenti a 451 mln€ di incentivi richiesti
    1,1 mld€ gli incentivi erogati per l'efficienza energetica e per le rinnovabili termiche

[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 8. Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti

[/titolo]
[testo]

Target 8.2, 8.4

  • Raggiungere livelli più elevati di produttività economica attraverso la diversificazione, l'aggiornamento tecnologico e l'innovazione, anche attraverso un focus su settori ad alto valore aggiunto e settori ad alta intensità di manodopera.
  • Migliorare progressivamente, fino al 2030, l'efficienza delle risorse globali nel consumo e nella produzione nel tentativo di scindere la crescita economica dal degrado ambientale, in conformità con il quadro decennale di programmi sul consumo e la produzione sostenibili, con i Paesi sviluppati che prendono l'iniziativa.

Il nostro impegno:

  • Il GSE ha dato negli ultimi anni un impulso determinante allo sviluppo dei settori economici legati al comparto. Circa l'1% del PIL nazionale è investito infatti in sostenibilità ambientale tramite i meccanismi gestiti dal GSE. Gli investimenti in FER ed efficienza energetica hanno contribuito alla crescita economica del Paese, alla creazione di posti di lavoro in tutti gli anelli della filiera direttamente e indirettamente connessi a tali settori.
  • Il GSE contribuisce al raggiungimento dell’obiettivo di crescita economica, promuovendo la creazione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile che sia finalizzato all’aumento del potenziale di crescita, della competitività, delle performance economiche e delle capacità produttive del territorio e delle imprese. Un’attenzione particolare è riservata all’accrescimento della consapevolezza dei consumatori sul proprio ruolo nella spesa energetica e sulle azioni da intraprendere per la creazione e la progressiva implementazione di modelli di business sostenibili e di tutti i benefici derivanti dalla generazione elettrica, dagli interventi di efficientamento energetico, dall’autoconsumo e dalla mobilità sostenibile.

Risultati:
  • 2,2 mld€ di nuovi investimenti stimati generati dalle attività del GSE
    Oltre 51 mila unità di lavoro annuali (equivalenti a tempo pieno) correlate a tutte le iniziative - nuove e già in corso - sostenute nel 2020 dal GSE 
    536 interventi di riqualificazione profonda di edifici pubblici (cd. multi-intervento e trasformazioni nZEB)
  • 36.000 accessi al portale Autoconsumo
    25.602 accessi nei primi 3 mesi al portale Interventi e simulatori
    Oltre 3.000 tecnici, professionisti e imprenditori formati
[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 9. Costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione e un'industrializzazione equa, responsabile e sostenibile

[/titolo]
[testo]

Target 9.1, 9.4

  • Sviluppare infrastrutture di qualità, affidabili, sostenibili e resilienti, comprese le infrastrutture regionali e transfrontaliere, per sostenere lo sviluppo economico e il benessere umano, con particolare attenzione alla possibilità di accesso equo per tutti.
  • Entro il 2030, aggiornare le infrastrutture e ammodernare le industrie per renderle sostenibili, con una maggiore efficienza delle risorse da utilizzare e una maggiore adozione di tecnologie pulite e rispettose dell'ambiente e dei processi industriali, in modo che tutti i Paesi intraprendano azioni in accordo con le loro rispettive capacità.

Il nostro impegno

  • Attraverso la promozione degli investimenti sulle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, il GSE contribuisce direttamente all’ammodernamento delle infrastrutture e all’adozione di tecnologie pulite, sostenibili, resilienti, con l’obiettivo di concorrere a incrementare le capacità tecnologiche e il grado di innovazione del Sistema Paese, in particolar modo nei settori industriali.
  • Il sostegno agli interventi di efficienza energetica genera risparmi addizionali (al di sopra della media di quelli che si sarebbero comunque verificati per questioni di evoluzione tecnologica, normativa e di mercato) costituendo un driver per l’innovazione tecnologica, soprattutto in ambito industriale. Per tale motivo la maggior parte dei Certificati Bianchi si riferisce a interventi nel settore industriale.
Risultati:
  • 21 modelli territoriali attivati per l’implementazione dei modelli di cofinanziamento con le Regioni sul fronte pubblico e per il fronte privato
    2.000 richieste di supporto specialistico di Imprese per la risoluzione delle problematiche relative all’accesso ai meccanismi incentivanti e ai servizi regolati dal GSE
    429 mila contatti gestiti dal Contact Center
  • 1,72 milioni di Titoli di Efficienza Energetica riconosciuti nel 2020, di cui circa il 60% per interventi in ambito industriale, il 32% nel settore civile, il 5,5% per progetti di illuminazione e 3,4% per interventi su reti e trasporti

[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 11. Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili

[/titolo]
[testo]

Target 11.6

  • Entro il 2030, ridurre l'impatto ambientale negativo pro capite delle città, in particolare riguardo alla qualità dell'aria e alla gestione dei rifiuti.

Il nostro impegno

  • L’azione del GSE è particolarmente significativa nelle città che oggi rappresentano i motori di sviluppo del Paese. Attraverso, per esempio, il Conto Termico che si presta particolarmente a essere di ausilio per la riduzione dei consumi di combustibili fossili nel settore residenziale e terziario, con particolare riferimento alle strutture edilizie della Pubblica Amministrazione, migliorando la qualità dell’aria nelle stesse.
  • Il GSE supporta il Ministero nella gestione del programma per la riqualificazione energetica degli edifici della Pubblica Amministrazione centrale (PREPAC). In particolare, la gestione coinvolge anche edifici in zone sismiche e consente al GSE di contribuire a un vasto programma di grande ammodernamento e messa in sicurezza delle scuole italiane.
  • Il GSE si impegna a incentivare una transizione verso modelli più sostenibili anche nel settore dei trasporti. In particolare, grazie ai biocarburanti e al biometano e alla mobilità elettrica, la quale sta segnando un importante cambiamento grazie alla sua rapida diffusione.
Risultati:
  • 2,1 milioni di certificati di immissione in consumo (CIC) rilasciati
    113.498 domande di Conto Termico pervenute nel 2020, corrispondenti a 451 mln€ di incentivi richiesti
  • 44 proposte progettuali presentate (21 delle quali valutate dal GSE) per quasi 46 mln€ all’interno del Programma PREPAC
    Circa 1.000 scuole riqualificate nel 2020
  • 1 mld€ gli incentivi erogati relativi ai biocarburanti

[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 12. Garantire modelli sostenibili di produzione e consumo

[/titolo]
[testo]

Target 12.2, 12.6, 12.8

  • Entro il 2030, raggiungere la gestione sostenibile e l'uso efficiente delle risorse naturali. 
  • Incoraggiare le imprese, soprattutto le aziende di grandi dimensioni e transnazionali, ad adottare pratiche sostenibili e integrare le informazioni sulla sostenibilità nelle loro relazioni periodiche. 
  • Entro il 2030, fare in modo che le persone abbiano in tutto il mondo le informazioni rilevanti e la consapevolezza in tema di sviluppo sostenibile e stili di vita in armonia con la natura.

Il nostro impegno

  • La strategia del GSE in ottica di riduzione dell’impatto ambientale ha generato iniziative volte soprattutto all’attenzione verso i materiali rinnovabili e riciclati. Il GSE è coinvolto nella gestione del corretto smaltimento dei moduli fotovoltaici arrivati a fine vita attraverso il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento adeguato, recupero e smaltimento ambientalmente compatibile dei rifiuti fotovoltaici. Il GSE è impegnato nella creazione di modelli di sviluppo sostenibile grazie al sostegno della produzione di elettricità proveniente da eolico e fotovoltaico.
  • Il GSE si occupa del sostegno agli interventi di efficienza energetica delle aziende, che comportano risparmi addizionali e inserisce nei bandi di gara specifici requisiti ambientali per favorire l'implementazione di pratiche d'acquisto ecosostenibili. Inoltre, grazie alla promozione degli incentivi per lo sviluppo di impianti di produzione di biometano, il GSE sta stimolando l'attivazione di nuove filiere produttive nel Paese, con una forte componente territoriale, volte a trasformare rifiuti organici e scarti agricoli in combustibile rinnovabile utile ad alimentare le flotte per il trasporto locale e la mobilità privata sostenibile.
  • Il GSE mira a diffondere la consapevolezza sui vantaggi e benefíci di uno stile di vita sostenibile e di interventi volti alla riduzione dell'impatto ambientale delle azioni quotidiane a tutta la comunità. Grazie al portale “Interventi e simulatori", infatti, è possibile simulare interventi di riqualificazione stimando costi e benefíci.
Risultati:
  • 2.376 procedimenti di verifica avviati nel 2020
  • 21 impianti di produzione di biometano avanzato incentivati nel 2020
    104 milioni di Smdi biometano avanzato prodotto dagli impianti incentivati nel 2020
  • 2 milioni di visitatori unici al sito internet nel 2020
    Pubblicazione dell’undicesima edizione del Bilancio di Sostenibilità
    Creazione del Blog Element+
    25.602 accessi nei primi 3 mesi al portale Interventi e simulatori

[/testo]
[/accordion]
[accordion]
[titolo]

SDG # 13. Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze

[/titolo]
[testo]

Target 13.2, 13.3

  • Integrare nelle politiche, nelle strategie e nei piani nazionali le misure di contrasto ai cambiamenti climatici.
  • Migliorare l'istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana e istituzionale riguardo ai cambiamenti climatici in materia di mitigazione, adattamento, riduzione dell'impatto e allerta precoce.

Il nostro impegno

  • Il GSE, grazie alla gestione dei meccanismi di supporto alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica, al collocamento delle quote di emissione di gas serra nel sistema ETS, al supporto istituzionale nella preparazione di piani e programmi per lo sviluppo sostenibile, contribuisce attivamente alla transizione verso una economia a basse emissioni di carbonio e dunque alla lotta ai cambiamenti climatici. Il GSE, inoltre, fornisce costantemente supporto istituzionale nella preparazione di piani e programmi per lo sviluppo sostenibile (per esempio, PNIEC e PNRR).
  • Il GSE contribuisce alla lotta al cambiamento climatico attraverso azioni di educazione e informazione della collettività a diversi livelli. I progetti di educazione nelle scuole coinvolgono le giovani generazioni, gli incontri con funzionari della PA e le imprese le figure tecniche di settore, conferenze, web e in presenza, i social network e il nuovo blog Element+. Tali attività vengono svolte al fine di diffondere la cultura della sostenibilità e i possibili interventi a contrasto del cambiamento climatico.
  • Il GSE supporta gli enti locali nell'adozione di politiche, piani e programmi per lo sviluppo sostenibile sul territorio, anche in ambito urbano, attraverso azioni informative, di sensibilizzazione e di assistenza.
Risultati
  • 53 milioni di quote di emissione collocate sulla piattaforma dell’asta comune
    42 milioni di tonnellate di CO2eq emissioni evitate in atmosfera grazie all’energia rinnovabile e i risparmi energetici incentivati nel 2020, oltre al consumo di 109 milioni di barili di petrolio evitato
  • 1.680 studenti formati nel 2020
    + 13.000 follower su Twitter, oltre 230 tweet pubblicati
    + 44.000 iscritti su LinkedIn, 187 post pubblicati + 720.000 visualizzazioni
    130 articoli sul Blog Element+
  • 3.100 PA supportate
    2.500 tecnici della PA formati

[/testo]
[/accordion]